Cammino DiVino 2017

Una camminata enogastronomica tra i vitigni dell’Alto Astigiano

BUTTIGLIERA D’ASTI, 3 settembre 2017 – Un cammino divino per perdersi nella contemplazione delle bellezze naturali dell’Alto Astigiano, un cammino di-vino tra i vitigni che hanno dato i natali al Freisa. Tutto questo è Cammino DiVino, la camminata enogastronomica organizzata dall’Associazione Camminare Lentamente, ed avrà luogo domenica 3 settembre a partire dalle 14.30: una passeggiata di 8km tra i castelli e le uve del basso Monferrato, in occasione della fiera annuale Le contrade del Freisa.

Se vuoi arrivare primo, corri da solo. Se vuoi arrivare lontano, cammina insieme”: il mantra di Camminare Lentamente parla chiaro e racconta di un percorso semplice e adatto a qualunque età, su strade asfaltate e a bassa percorrenza – sterrate e carrarecce – con un lieve dislivello di 100 metri in salita. Il luogo di ritrovo è presso la chiesa di San Rocco (via San Rocco 1- angolo via Moriondo) alle ore 13.30, momento in cui apriranno le iscrizioni. In seguito si raggiungerà il vicino comune di Moncucco Torinese dove l’azienda vitivinicola e agrituristica Cascina Bric aprirà al pubblico le proprie cantine, per poi proseguire verso la locale Bottega del Vino la quale raggruppa oltre 20 aziende agricole presenti sul territorio. Il rientro con la navetta fino a Buttigliera, opzionale, è organizzato dall’Associazione stessa. Alle 18, gli interessati potranno  fermarsi a gustare una merenda sinoira tipicamente piemontese a cura della Pro Loco buttiglierese.

La quota di partecipazione è di 3 euro per i soci di Camminare Lentamente, 8 euro per i non iscritti, gratis fino ai 18 anni. Per informazioni e pre-iscrizioni chiamare i numeri 349-721.07.15 e 380-683.55.71, scrivere una mail all’indirizzo camminarelentamente2@gmail.com oppure consultare il sito.

 

Foto del profilo di Alessandra Leo

Alessandra Leo

Sono un piccione viaggiatore umano, che adora vedere il Mondo e fare esperienze fuori dal comune. Odio annoiarmi. Da piccola venivo soprannominata “la scrutatrice” per l’abitudine di osservare con curiosità (e ad occhi sbarrati) tutto ciò che mi circondava. Da lì al decidere di diventare una giornalista il passo è stato breve; così dopo una laurea in Lingue e Letterature Straniere non ho mai smesso di scrivere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vai alla barra degli strumenti