Chieresi per ius soli

Una cerimonia per il conferimento della Cittadinanza speciale ai minori nati in Chieri

Chieri (TO), 18 marzo 2017 – Una Chieri avanguardista per i diritti umani. Sabato 18 marzo alle 11, nella Sala del Consiglio Comunale, le autorità invitano i cittadini a partecipare alla cerimonia ufficiale di consegna dell’attestato di “Cittadinanza speciale della Città di Chieri per Ius Soli”, riservata ai minori nati in Italia da genitori stranieri legalmente residenti sul territorio.

L’espressione giuridica latina, contrapposta allo Ius Sanguinis, è da secoli utilizzata per indicare l’acquisizione della cittadinanza di un Paese come conseguenza dell’atto di essere fisicamente nati sul suo suolo. Dopo avere verificato che i soggetti aventi diritto siano in possesso dei requisiti richiesti, secondo quanto deliberato dal Consiglio Comunale nell’aprile 2016, la Città di Chieri è in grado di conferire il titolo ai bambini ora formalmente denominabili “chieresi”.

Il riconoscimento ha lo scopo primario di promuovere l’uguaglianza tra persone di origine straniera e italiana che nascono, vivono, crescono, studiano e lavorano in Italia – particolarmente nel territorio – per farsi sostenitore di un’eventuale futura Legge nazionale che preveda la cittadinanza italiana per tutti i minori nelle stesse condizioni.

Per ulteriori informazioni, rivolgersi allo Sportello Unico per il Cittadino (via Palazzo di Città 10) chiamando lo 011.942.82.61 oppure scrivendo una mail all’indirizzo sportello unico@comune.chieri.to.it

Foto del profilo di Alessandra Leo

Alessandra Leo

Giornalista pubblicista con la passione per il volontariato internazionale, team leader per una nota ONG. Adoro vedere il mondo e viaggiare con penna e taccuino: non a caso da piccola venivo soprannominata “la scrutatrice”, per l’abitudine di osservare con curiosità - annotando - tutto ciò che mi circondava. Dopo una laurea in Lingue e Letterature Straniere e un master in Marketing & Communication Management non ho mai smesso di scrivere, e certo non ho intenzione di farlo, almeno per i prossimi 999 anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vai alla barra degli strumenti