Legalizziamola?

Una conferenza per approfondire una delle tematiche più dibattute del momento, la legalizzazione della Cannabis

CHIERI, 4 maggio 2017 – Comprendere al meglio le infinite sfumature di un argomento controverso, da sempre oggetto di aspre polemiche tra favorevoli e proibizionisti, ma rispolverato solo recentemente dal sistema legislativo italiano. Questo il tema della conferenza “Legalizziamola? – Domande e risposte verso una regolamentazione efficace e responsabile della Cannabis” in programma giovedì 4 maggio alle 21 nei locali di Artedanza – Piazza Caselli 16. A condurre la conferenza saranno Leopoldo Grosso (Vicepresidente del Gruppo Abele e Responsabile dell’Università della Strada) Paolo Fausto Barcucci (Professore del Dipartimento di Psicologia) e Giulio Manfredi dell’Associazione Radicale Adelaide Aglietta.

Era il 16 luglio 2015 quando la proposta di legge in materia di legalizzazione della coltivazione, lavorazione e vendita della cannabis e dei suoi derivati veniva depositato alla Camera, con la sottoscrizione di 218 parlamentari. Una proposta trasversale che ha messo d’accordo svariati schieramenti politici non solo mancini: il disegno proponeva di legalizzare la marijuana per uso ricreativo e di permetterne la coltivazione, purché senza scopo di lucro. A distanza di due anni, quali progressi sono stati fatti? Quali sono i rischi e le opportunità derivanti da un possibile via libera al consumo della droga leggera?

A rispondere queste domande saranno i tre relatori, i quali grazie alle loro competenze analizzeranno non solo l’aspetto economico ma anche quello medico; senza tralasciare di ripercorrere per l’iter tecnico che questa battaglia affronta tempo. Organizza l’evento l’Associazione Giovani Democratici di Chieri. Entrata libera.

 

Foto del profilo di Alessandra Leo

Alessandra Leo

Giornalista pubblicista con la passione per il volontariato internazionale, team leader per una nota ONG. Adoro vedere il mondo e viaggiare con penna e taccuino: non a caso da piccola venivo soprannominata “la scrutatrice”, per l’abitudine di osservare con curiosità - annotando - tutto ciò che mi circondava. Dopo una laurea in Lingue e Letterature Straniere e un master in Marketing & Communication Management non ho mai smesso di scrivere, e certo non ho intenzione di farlo, almeno per i prossimi 999 anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vai alla barra degli strumenti