Tra i quaderni dei tessuti

Al via il censimento degli archivi del tessile chierese

Chieri, 8 marzo 2017. Un viaggio nella storia del Chierese attraverso gli scampoli di tessuto. Il Comune di Chieri, insieme alla Fondazione Chierese per il Tessile e per il Museo del Tessile ha avviato il censimento degli archivi della grande tradizione tessile del chierese.

Il progetto, affidato alla ditta Acta Progetti S.n.c. – già attiva da anni nell’ambito biellese con progetti di valorizzazione della documentazione di quel comparto laniero – verrà presentato alle aziende del settore  e agli addetti ai lavori mercoledì 8 marzo 2017, nella Sala Conferenze della Biblioteca civica di via Vittorio Emanuele II, 1, alle 17.30.

La Fondazione Chierese per il Tessile, che il 18 settembre del 2016 ha inaugurato il nuovo allestimento del Museo dedicato alla storia dell’industria tessile chierese -eminentemente cotoniera-, ha il merito di conservare circa 300 volumi di campionari tessili. Il progetto prevede l’ampliamento ulteriore di tale patrimonio, con l’intento di ottenere ulteriori informazioni ed eventualmente nuovo materiale utile a studiare il fenomeno economico, sociale e culturale del tessile, così vitale per la zona del chierese.

Il convegno è rivolto in special modo ai detentori di aziende attive sul territorio e a tutti coloro che possono portare “testimonianza”delle aziende cessate. L’incontro pubblico vuole infatti non solo presentare il progetto, ma porre le basi per una collaborazione fruttuosa tra le aziende del territorio, il Comune e la Fondazione Chierese per il Tessile in modo da addivenire a una raccolta esaustiva e completa della creatività del tessile e del comparto chierese.

Per informazioni:

Servizio Biblioteca e Archivio storico

Martedì, mercoledì, giovedì 9-12.30 / 14.30-18;

Telefono 011.9428404;

Fax 011.9470250;

E-mail: archivio@comune.chieri.to.it;

P.e.c. protocollo.chieri@pcert.it.

Foto del profilo di Lo_Scoprieventi

Lo_Scoprinetwork

Lo_Scoprinetwork, è un’agenzia di comunicazione fondata da giornalisti che lavorano con professionisti diversi (informatici, fotografi, grafici, avvocati e carrer coach) per creare un’immagine comunicativa a 360 gradi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vai alla barra degli strumenti