Subsonica, 1996-2016 Tour a Ritmika

#20AnniDopo: festa di compleanno per il free festival che nelle scorse settimane ha portato a Moncalieri Fedez, J-Ax e Antonello Venditti. I Subsonica sul palco dell’ex foro Boario a partire dalle 22.

MONCALIERI, 16 settembre 2016. Grande festa di chiusura per Ritmika 2016 con il concerto dei Subsonica, che concludono venerdì 16 settembre, all’ex foro Boario di Moncalieri a partire dalle 22.00, concludono il [1996-2016 Tour].

Si festeggia un doppio compleanno: quest’anno infatti la manifestazione musicale compie i suoi primi vent’anni così come compiono vent’anni di carriera i Subsonica, forse uno dei gruppi italiani più amati, nato quando Giancarlo e i Murazzi di Torino erano ancora fucina di musica e di arte. Un compleanno importante per cui è stato creato anche un hashtag: #20AnniDopo.

Ad accogliere i Subsonica sarà il palco del Mercato di Moncalieri, ex foro Boario, e l’ingresso sarà rigorosamente gratuito, come vuole la tradizione di Ritmika.

In questi vent’anni di attività i Subsonica, nati proprio sotto il cielo di Torino, sono riusciti ad affezionare un pubblico sempre più ampio e trasversale, innovando e ridisegnando i confini della musica italiana, divenendo di fatto l’unica band italiana capace di parlare un linguaggio internazionale, portando anche nuove sonorità e contaminazioni ai vertici delle classifiche. Quella di venerdì 16 settembre sarà una serata speciale, una serata tra amici, e sul palco si attendono ospiti e sorprese.

Si concluderà così anche l’edizione 2016 di uno dei festival più amati del torinese, un festival cresciuto negli anni e che ha saputo mantenere un profilo diversificato, abbracciando un pubblico trasversale e spaziando tra artisti di rilievo italiani ed internazionali, contribuendo a rilanciare Torino come fucina culturale.

 

Foto del profilo di Erika Nicchiosini

Erika Nicchiosini

Giornalista ed editor. Dopo i primi traumi infantili causati da alieni – erano i tempi dei Visitors – e verdure verdi, ho capito che una buona comunicazione può partire dall’ascolto, dalla creatività e dalla curiosità per i dettagli: un minestrone, come un lucertolone ricoperto di frusciante carta velina, possono divenire gustosi e digeribili se raccontati con attenzione e la giusta sensibilità. Amo l’arte, le parole, i libri e i viaggi, ascoltare storie, indagarle e farle mie; dare un senso sociologico e antropologico a ciò che vedo e sento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vai alla barra degli strumenti