Il destino di Bianchini

Il destino arriva in Biblioteca

NICHELINO, 20 ottobre 2015. Colorati cieli londinesi e lunghe sorsate di caffè alla moka per un nuovo incontro con l’autore alla Biblioteca civica Arpino. Martedì 20 ottobre, alle 20,45, le sale della Biblioteca di via Turati 4/8 ospiteranno Luca Bianchini, che presenterà la sua ultima fatica: “Dimmi che credi al destino” edito da Mondadori.

Nel suo libro Bianchini racconta la storia di Ornella, che a Londra dirige una piccola libreria italiana in procinto di chiudere. Abituata alle cadute, ma anche a lottare, trova conforto nell’amicizia di Mr George, anziano signore che incontra spesso ai giardini, e di Bernard, premuroso vicino di casa. Disperata, chiama in soccorso la sua amica storica, la Patti, che parte apposta da Milano per aiutarla a risollevare le sorti della libreria. Dopo l’assunzione di Diego, ragioniere napoletano, bello e simpatico, che introduce una nota di allegria e di ottimismo, un inaspettato colpo di scena darà una singolare svolta alla vicenda.

Luca Bianchini, per trent’anni cittadino nichelinese, ha svolto le professioni di intervistatore telefonico e redattore filatelico alla Bolaffi, copywriter freelance ha lavorata con diverse agenzie pubblicitarie tra cui la Bgs D’Arcy. Con Mondadori ha pubblicato i romanzi “Instant love” (2003), “Ti seguo ogni notte” (2004), “Se domani farà bel tempo” (2007), “Siamo solo amici” (2011), “Io che amo solo te” (2013).

Foto del profilo di Erika Nicchiosini

Erika Nicchiosini

Giornalista ed editor. Dopo i primi traumi infantili causati da alieni – erano i tempi dei Visitors – e verdure verdi, ho capito che una buona comunicazione può partire dall’ascolto, dalla creatività e dalla curiosità per i dettagli: un minestrone, come un lucertolone ricoperto di frusciante carta velina, possono divenire gustosi e digeribili se raccontati con attenzione e la giusta sensibilità. Amo l’arte, le parole, i libri e i viaggi, ascoltare storie, indagarle e farle mie; dare un senso sociologico e antropologico a ciò che vedo e sento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vai alla barra degli strumenti