A teatro contro la violenza sulle donne

 

“I monologhi della vagina” e “Qualcuno mi ha ucciso” per celebrare la Giornata Internazionale Contro la Violenza sulle Donne

Poirino, 25 novembre. Contro la violenza sulle donne una serata a teatro con un libro e uno spettacolo. Il doppio appuntamento è venerdì 25 novembre, alle 21, nel Salone Italia, lungo Passeggiata Marconi (ingresso gratuito). L’iniziativa è organizzata dal Comune in collaborazione con la compagnia teatrale Le Gesta per ricordare Giornata internazionale contro la violenza sulle donne”.

Per l’occasione l’autrice Elena Levato di Settimo presenterà il suo libro “Qualcuno mi ha ucciso” (Book Sprint Edizioni), ispirato a un episodio di cronaca realmente accaduto. A seguire andrà in scena “I monologhi della vagina” di Eva Ensler, diretto da Valentina Minotti. Al centro è la storia di Adria, che fin da bambina ha subito violenze in famiglia. Così è diventata una donna fragile, depressa e incline all’uso di farmaci, alcol e droga. L’unico scopo della sua vita è fuggire dalla realtà, abbandonare il corpo al suo destino, creare mondi paralleli dove immagini e sogni si intrecciano in illusioni.

A seguire saranno messi in scena alcuni monologhi, tratti dall’opera della drammaturga statunitense Eve Ensler, che scrisse il testo nel 1996 dopo avere intervistato 200 donne e avere raccolto le loro idee su sesso, relazioni e violenza. Sul palco si alterneranno le attrici del Laboratorio Teatrale di Cambiano: Ester Delforno, Sonia Cavaglià, Cristiana Pavesio, Giulia Aquilini, Eleonora Marchisio, Antonella Giordano e la regista Valentina Minotti. Luci e suoni sono di Beppe Miletto e Sergio Gremo.

Foto del profilo di Federica Costamagna

Federica Costamagna

Grafomane e amante dei libri, adoro viaggiare, fantasticare, raccontare storie, condividere esperienze e imparare le lingue.
A 11 anni quando la maestra mi chiese cosa avrei voluto fare da grande, avevo già le idee chiare: giornalista.
Così dopo il liceo ho scelto di laurearmi in scienze della comunicazione. E da lì è cominciata la mia avventura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vai alla barra degli strumenti