Alla Marchesa: il teatro è come la vita

Tre giorni di cultura, arte e territorio con Duccio Bellugi Vannuccini

TORINO – “Il teatro è così infinitamente affascinante perché è così casuale. È come la vita” scriveva il drammaturgo Arthur Miller. Ed è di vite difficili che si occupa il Teatro Sociale e di Comunità. Dal 9 all’ 11 gennaio il Teatro Marchesa (C.so Vercelli 141, Torino) ospiterà un seminario dedicato proprio all’approfondimento di questa realtà innovativa. Obiettivo: sostenere non solo giovani e adulti in difficoltà ma dare un’opportunità di crescita professionale e di investimento per enti pubblici e privati. Organizza l’evento l’Associazione Choros, che da tempo si occupa di creare legami tra l’Arte, la Cultura e le realtà più complicate del panorama cittadino.

Si parte il 9 gennaio con la tavola rotonda “Il Territorio e la scuola: il valore trasformativo della Cultura e dell’Arte”. Dalle 10 si alterneranno istituzioni, artisti ed operatori del settore per dibattere sull’importanza del legame tra territorialità e associazionismo culturale. Tra i relatori Carlotta Salerno (Presidente della Circoscrizione 6), Daniele Valli (Presidente Commissione Cultura Regione Piemonte), Francesca Paola Leon (Città di Torino) e Duccio Bellugi Vannuccini del Théatre du Soleil di Parigi; curatore del workshop pomeridiano. Lo spettacolo “Il tempo della nostra fragilità” di Maria Grazia Agricola chiude alle 18 questa prima giornata di dialogo.

L’evento prosegue il 10 gennaio a partire dalle ore 10 con una giornata interamente dedicata a due laboratori rispettivamente organizzati dalla cooperativa Stranidea – Impresa Sociale Onlus e dall’Associazione Les Petits Filous di  Fulvia Beatrice Romeo e Andrea Carlo Fardella.

Le tavole rotonde termineranno mercoledì. Alle 10 è previsto l’incontro “A chi appartiene l’esperienza artistica? Quale Teatro? Quale Polis?”. Interverranno Antonella Parigi (Assessore alla Cultura e al Turismo), Alfredo Mela (Professore Ordinario DIST – Dipartimento Interateneo di Scienze, Progetto e Politiche del Territorio), Ester Chicco (Presidente Psicologi nel Mondo) ed altri esponenti politici ed istituzionali del territorio. Dopo la pausa pranzo seguono i workshop finali di Lorena La Rocca – Teatro e Babele Paola Cereda di ASAI, Associazione di animazione interculturale.

Foto del profilo di Alessandra Leo

Alessandra Leo

Sono un piccione viaggiatore umano, che adora vedere il Mondo e fare esperienze fuori dal comune. Odio annoiarmi. Da piccola venivo soprannominata “la scrutatrice” per l’abitudine di osservare con curiosità (e ad occhi sbarrati) tutto ciò che mi circondava. Da lì al decidere di diventare una giornalista il passo è stato breve; così dopo una laurea in Lingue e Letterature Straniere non ho mai smesso di scrivere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vai alla barra degli strumenti