Torna “La Scuola”

A Nichelino lo spettacolo teatrale che negli anni ’90 ha svelato al mondo la vera vita degli studenti adolescenti

Nichelino (TO) 12 marzo 2017 – Una tantum è il Cinema ad imitare il Teatro, e non il palcoscenico ad imitare la settima musa. Domenica 12 marzo alle 21 il Teatro Superga (via Superga 44, Nichelino) ospiterà “La Scuola”, spettacolo teatrale del regista Daniele Lucchetti, il quale ha diretto anche l’omonimo film uscito nelle sale nel 1995.

Era il 1992 quando debuttava “Sottobanco”, prototipo della pièce “La Scuola”, ispirato alla produzione letteraria dello scrittore e sceneggiatore Domenico Starnone. Lo spettacolo capitanato dall’attore Silvio Orlando, capostipite di tutto il filone italiano di ambientazione scolastica, racconta il microcosmo di un liceo della periferia romana: le ambizioni, paure e speranze della non propriamente diligente classe IV D si infrangono contro la temibile realtà del giorno dello scrutinio. Il primo vero confronto con il mondo reale, che sancirà vincitori e vinti non solo tra i ragazzi ma anche tra i docenti, che si ritroveranno a doversi confrontare con loro stessi e i propri limiti. Chi sarà un leader, chi un follower?

“La Scuola” è uno spettacolo comico, tra dialoghi brillanti e situazioni paradossali, che dipingono un ritratto della scuola italiana nell’era del boom di Vasco.

Non A Nichelino lo spettacolo teatrale che negli anni ’90 ha raccontato la vita degli adolescenti a scuola solo Silvio Orlando in arte prof. Cozzolino, il cast è composto anche da Vittoria Belvedere (prof.ssa Baccalauro), Vittorio Cioncalo (Il prete-prof. Mattozzi), Roberto Citran (Il preside), Roberto Nobile (prof. Mortillaro), Antonio Petrocelli (prof. Cirrotta) e Maria Laura Rondanini (prof.ssa Alinovi). Le scene sono di Giancarlo Basili e i costumi di Maria Rita Barbera.

Il costo dei biglietti varia da 24,50 a 33€. Sono prenotabili in loco, on-line sul sito www.teatrosuperga.it oppure sul Circuito Tiketone.

Foto del profilo di Alessandra Leo

Alessandra Leo

Sono un piccione viaggiatore umano, che adora vedere il Mondo e fare esperienze fuori dal comune. Odio annoiarmi. Da piccola venivo soprannominata “la scrutatrice” per l’abitudine di osservare con curiosità (e ad occhi sbarrati) tutto ciò che mi circondava. Da lì al decidere di diventare una giornalista il passo è stato breve; così dopo una laurea in Lingue e Letterature Straniere non ho mai smesso di scrivere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vai alla barra degli strumenti