Tramanda: la Fiber Art tra passato e futuro

Due mesi di eventi per raccontare il Tessile, fil rouge della storia chierese

CHIERI, 19 maggio 2018 – Fili che intrecciano arte e storia, creando un percorso artistico-culturale che si snoda tra i principali poli turistici cittadini, sotto il segno del tessile, industria da sempre impregnante la storia del commercio chierese. Dopo l’inaugurazione ufficiale all’Accademia Albertina di Belle Arti di Torino Tramanda – Il filo tra passato e futuro, l’esposizione dedicata alla Fiber Art, si sposta all’Imbiancheria del Vajro (via Imbiancheria 12) per dare inizio allo Young Fiber Contest. Sabato 19 maggio dalle ore 16 il moderno complesso specchiato ospiterà la premiazione dei talenti vincitori, arricchendo l’evento con una performance acrobatica aerea supportata dal tessuto di Adele Oliva, neuropsicologa e creativa. Sono stati invitati a prendere parte all’inaugurazione locale artisti di fama nazionale e intarnazionale. Le opere prescelte rimarranno esposte fino a domenica 1 luglio, ogni venerdì e sabato dalle 16 alle 19 e l’intera giornata domenicale in orario 10.30-12.30 /16-19.

Tramanda tributa la forte identità tessile di Chieri, con uno sguardo verso le contemporaneità artistiche.

Abitare l’arte, pièce in anteprima

Durante il pomeriggio, dalle ore 17.30, la manifestazione si sposta nei locali dell’atelier Bonetto Design di vicolo della Madonnetta 1. Il concept di Abitare l’Arte mesce alla perfezione l’arte contemporanea con quella dell’arredamento: le pièce selezionate dalla chiamata aperta agli artisti, insieme a quelle della collezione Trame d’Autore, correderanno lo show-room del centro storico fino al 1°luglio (da martedì a sabato in orario 9.30-12-30/15.30-19.30). Tra gli arredamenti moderni del design Made in Italy di Beniamino Bonetto, saranno esposti lavori di otto artisti anch’essi tricolori. Campriani Gloria lavora con i fili e la sua opera Ricerca di un’identità culturale si presenta come una lavorazione a mano con ago, colori e tessuti. Casula Battistina, con il suo Frammenti in quattro quarti, sposa legno e stoffe con una tecnica mista. Perego Antonella intreccia corde, lana, paglia e paglietta multicolori per dare vita a La terra vista dal cielo. Pizzolongo Antonella si ispira ai toni dell’oro e dell’acqua per Frammenti ritrovati. Diversamente, in Ragione e sentimento di Scutera Stefania gioca con legni, pietrine e macro-macramè. Rita De Marta Soldati propone Quadrilogia tra lino e arte, tra crine di cavallo e ortica. Anche Spanu Stefania ricorre alla tradizione e ne L’incontro rivisita la tessitura tradizionale sarda, contrariamente a Dominique Torrente, che si affida alla modernità di Hybrid memories.

Tramanda richiama opere e ospiti provenienti da tutto il mondo, uniti dal linguaggio espressivo della Fiber Art.

Crocifisso in Fiber Art, Tramanda

La kermesse artistica prosegue all’ex oratorio di San Filippo (via Vittorio Emanuele II, 63) a partire dalle 18.30 con Into the White, mostra collettiva organizzata dal gruppo TraLicci, che promulga la conoscenza delle creazioni fiber art autoctone e francesi – più precisamente della gemella Épinal. Le opere saranno visibili fino a domenica 17 giugno (venerdì e sabato 16-19, domenica 10.30-12.30 e 16-19).

Infine, l’ultima tappa giornaliera del percorso Tramanda porterà i partecipanti nello storico Palazzo Opesso (via San Giorgio 3, ore 21.30) con Ricerche Tessili nell’esperienza internazionale di 4 artiste. Il poker artistico è composto da Antonietta Airoldi, Silvia Beccaria, Marie Noëlle Fontan e Marialuisa Sponga, che vedranno i loro lavori occupare le vecchie carceri fino al 1 luglio. La mostra è aperta tutti i giorni dalle 16-19 e il weekend in orario 10.30-12.30 e 16-19.

Per saperne di più, consulta il programma completo sul sito del Comune.

 

Foto del profilo di Alessandra Leo

Alessandra Leo

Giornalista pubblicista con la passione per il volontariato internazionale, team leader per una nota ONG. Adoro vedere il mondo e viaggiare con penna e taccuino: non a caso da piccola venivo soprannominata “la scrutatrice”, per l’abitudine di osservare con curiosità - annotando - tutto ciò che mi circondava. Dopo una laurea in Lingue e Letterature Straniere e un master in Marketing & Communication Management non ho mai smesso di scrivere, e certo non ho intenzione di farlo, almeno per i prossimi 999 anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vai alla barra degli strumenti