Panorami d’autunno: arriva il Treno del Foliage

Da Domodossola a Locarno con la Ferrovia Vigezzina-Centovalli.

DOMODOSSOLA-LOCARNO, dal 16 ottobre al 19 novembre i 52km di tragitto della Ferrovia Vigezzina-Centovalli sarà collegato dal Treno del Foliage. Si tratta di un percorso panoramico attraverso i paesaggi tra Piemonte e Canton Ticino.

A velocità moderata i passeggeri potranno ammirare il paesaggio boschivo e i colori tipici della stagione, il tutto circondati dalle montagne e dai prati rivestiti di foliage.

Basterà prenotare il proprio biglietto online o presso le biglietterie riconosciute, per prendersi una pausa dalla quotidianità, dalle movimentate città sempre in fermento e intraprendere il viaggio incantato sull’iconico trenino bianco e blu. Le partenze si possono effettuare da i due capolinea: Domodossola in Piemonte oppure Locarno sul Lago Maggiore, ma anche dalle stazioni ferroviarie intermedie. Il percorso nella sua totalità avrà la durata di circa due ore, snodandosi tra scorci meravigliosi, 83 ponti e 31 gallerie.

Quest’anno, oltre la “slow experience” attraverso i boschi e i paesaggi tipici piemontesi e svizzeri, gli organizzatori hanno deciso di inserire un goloso incentivo. Durante il viaggio infatti, presentando il biglietto “Treno del Foliage”, si potrà usufruire di sconti e omaggi su alcune prelibatezze a chilometro zero.

Cioccolato, salumi, confetture e molti altri prodotti tipici di queste zone racchiuse tra laghi e montagne, verranno serviti come degustazione ai passeggeri, accompagnati da vini e birre locali. I costi dei biglietti variano a seconda della classe, dell’età e della tratta; per poter partecipare è necessario prenderli con anticipo, soprattutto se si desidera partecipare durante il weekend, momento prediletto per la maggior parte degli interessati.

Per maggiori informazioni si può contattare il numero 0324 24 20 55 oppure il +41 (0)91 75 60 400, ma ci si può anche registrare all’evento di Facebook per seguirne l’evoluzione.

Foto del profilo di Federica Testa

Federica Testa

Sono cresciuta con la convinzione che una buona comunicazione possa ampliare la mente e che le parole siano un continuo processo di “do ut des”. Vivo così, Testa di nome e di fatto; metto me stessa nelle sfide più ardue sempre alla ricerca del miglioramento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vai alla barra degli strumenti