Voci di donne per rompere il silenzio.

A Chieri una marcia contro la violenza

CHIERI, 17 marzo 2017 – Una marcia a sostegno delle donne. La organizza sabato 17 marzo l’associazione Progetto Per Chieri sul tema “Dalla violenza all’impegno: racconti al femminile per costruire il cambiamento”. Nella giornata della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie, la manifestazione vuole dare omaggio non solo alle vittime, ma portando ad esempio tutte quelle madri, sorelle e figlie che hanno lottato nonostante tutto.

Donne che hanno combattuto, sul lavoro e nella vita, diventando un esempio concreto di lotta ed emancipazione. Tali esempi hanno indotto le donne a diventare rottura dello stereotipo della donna vista unicamente come una vittima fragile. Per iniziare a ricordare quelle donne che per prime hanno osato alzare la propria voce per restituire dignità a chi, scegliendo la libertà, ha trovato la morte. Una manifestazione per dare valore a coloro che, testimoniando la loro scelta di vita, hanno costruito ogni giorno il cambiamento.

Uno dei simboli più emblematici della lotta alla mafia è Rita Atria, una ragazza siciliana di 18 anni che ha scelto la morte come protesta contro i soprusi mafiosi e come testimonianza perenne della volontà di riscatto di un intero popolo. Ma anche una donna come Rita Borsellino che ha trovato il coraggio di diventare testimone della lotta alle mafie facendo della battaglia alla criminalità la propria missione di vita in ricordo del fratello Paolo, magistrato assassinato nel 1992 a Palermo nella strage di via D’Amelio.

E tante altre che con la loro grinta hanno lasciato un segno nella storia del nostro Paese. Con questi propositi la marcia prenderà il via alle 17 con partenza da piazza Dante. I partecipanti al corteo con in mano delle rose, fiore simbolo del candore del mondo femminile, percorreranno via Cottolengo, piazza Duomo, via XX Settembre, via San Domenico, piazza Umberto I, via Vittorio Emanuele II, via Palazzo di Città per poi fare il loro ritorno in piazza Dante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vai alla barra degli strumenti