A Chieri il sistema integrato per i bambini dai 0 ai 6 anni

CHIERI – Borgo dei Bimbi e Slow Time, due progetti che stanno coinvolgendo i bambini dagli 0 ai 6 anni e le loro famiglie. Iniziative che rientrano nel quadro di “Città  Educativa” promosso ormai da anni dalla Città di Chieri. Nell’ultimo triennio, le politiche educative hanno avuto un impulso con la progettazione curata dal Sistema Educativo avvalendosi anche dei finanziamenti della Regione Piemonte, della Compagnia San Paolo e dello Stato.

Fanno parte di questo progetto i laboratori del Borgo dei Bimbi realizzati dalla Cogen, associazione di genitori chieresi, per offrire alle famiglie con bimbi piccoli un percorso per stare insieme, stimolare la fantasia e ritagliarsi del tempo speciale e condiviso. Dal settembre scorso sono state riproposte il sabato mattina dalle 9,45 alle 11,30 numerose attività laboratoriali ospitate dai locali del Trenido di strada Vicinale Della Serra 3.

Ogni famiglia è stata invitata a supportare con attività nuove idee e suggerimenti per continuare a vivere lo spazio del Trenido come centro di aggregazione chierese per i genitori ed i propri bambini. Inaugurato lo scorso 29 settembre, il programma 2018-2019 prevede numerose iniziative fino che si concluderanno nel pomeriggio del prossimo 18 maggio 2019 con una merenda condivisa aperta a tutti i bambini.

Parallelamente, inoltre, è in corso di svolgimento anche il progetto Slow Time sostenuto dalla Compagnia San Paolo. Questa iniziativa offre ai genitori e ai bambini luoghi e spazi aperti per giocare e imparare insieme. Tutte le attività, rivolte prioritariamente alle famiglie con bambini dai 0 ai 6 anni, sono state gratuite. Sabato 20 ottobre alle 16 il programma 2018 si concluderà con una festa con animazione nella biblioteca civica “Nicolò e Paola Francone”.

“Una città che investe  sull’infanzia – spiega l’Assessore Olia con delega a politiche sociali, istruzione, città educativa e pari opportunità – investe per il futuro.  L’Amministrazione comunale che rappresento in questi 4 anni ha garantito e ampliato i servizi e le offerte all’infanzia garantendo ampia accessibilità. Intendiamo proseguire il percorso supportando un piano di formazione congiunto tra personale di asilo nido e scuola dell’infanzia, per sviluppare la continuità educativa tra contesti, in un’ottica di reciproca valorizzazione e scambio, ma soprattutto per garantire ai nostri cittadini più piccoli le migliori opportunità di crescita”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *