Carlo Mollino al Centro Italiano per la Fotografia

Tutto pronto per l’apertura al pubblico dell’esposizione dedicata all’arte di Carlo Mollino

TORINO, 18 gennaio 2018 – Lo sguardo del poliedrico artista, architetto e designer Carlo Mollino arriva nel torinese Centro Italiano per la Fotografia di via Delle Rosine 18. La mostra “L’occhio magico di Carlo Mollino – Fotografie 1934-1973” aprirà alle 11 di giovedì 18 gennaio e attraverserà l’intera produzione fotografica del poliedrico personaggio torinese, con un percorso di oltre 500 immagini tratte dall’archivio del Politecnico di Torino.

Nonostante la passione per i progetti e le linee geometriche, che lo ha reso uno dei più celebrati professionisti dell’architettura del Novecento, Mollino ha da sempre riservato alla fotografia un ruolo privilegiato: ora come mezzo espressivo ed emozionale, ora come fondamentale strumento di documentazione e archiviazione del proprio lavoro, nella sua straordinaria quotidianità. Come il padre Eugenio, ingegnere e fotografo, il designer d’interni ed esterni ha contribuito alla diffusione della cultura fotografica in Italia grazie alla pubblicazione del libro “Il messaggio della camera oscura” (1949) .

“L’occhio magico di Carlo Mollino” è l’esposizione più grande e completa realizzata sul tema, che parte dalle prime immagini d’architettura realizzate negli anni Trenta fino alle più moderne Polaroid degli anni Sessanta e Settanta. Il suo spazio si articola in quattro sezioni: “Mille case”(raccolta di immagini relative al tema dell’abitare), “Fantasie di un quotidiano impossibile” (con atmosfere surrealiste e visioni oniriche), “Mistica dell’acrobazia” (che celebra l’amata velocità) e infine “L’amante del duca” (dedicata al tema del corpo e della posa).

La mostra, curata da Francesco Zanot, rimarrà aperta al pubblico fino al 13 maggio. L’orario di apertura varia dalle 11 alle 19 (lunedì, mercoledì, venerdì e nel weekend) e dalle 11 alle 21 tutti i giovedì. Giorno di chiusura, martedì. Il costo del biglietto intero è 10 euro, ridotto 6. Ingresso gratuito per i bambini.

Alessandra Leo

Giornalista pubblicista con la passione per il volontariato internazionale, team leader per una nota ONG. Adoro vedere il mondo e viaggiare con penna e taccuino: non a caso da piccola venivo soprannominata “la scrutatrice”, per l’abitudine di osservare con curiosità - annotando - tutto ciò che mi circondava. Dopo una laurea in Lingue e Letterature Straniere e un master in Marketing & Communication Management non ho mai smesso di scrivere, e certo non ho intenzione di farlo, almeno per i prossimi 999 anni.

Cosa ne pensi di questo evento?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: