Con la Luna e le lucciole nei boschi dei Saraceni

Una passeggiata notturna nella riserva naturale della Valsarmassa

VINCHIO (AT), 1 luglio 2017 – Un itinerario notturno magico e suggestivo, illuminato unicamente dalla luce della Luna e delle lucciole. È la Passeggiata notturna con le lucciole, che avrà luogo sabato 1 luglio a partire dalle 20,30 tra gli alberi del Bosco incantato al Bricco di monte del Mare; nella riserva naturale della Valsarmassa.

Si tratta di un itinerario di 4 km con sosta intermedia sull’itinerario letterario di Davide Lajolo – autore delle prime biografie di Pavese e Fenoglio, nonché scrittore di memorie contadine e partigiano. Il ritrovo è alle 20,30 presso il parcheggio della Riserva, la partenza alle 21.15. I partecipanti si inoltreranno poi tra i sentieri della valle di Serralunga fino al Valletto della morte – dove secondo la leggenda il marchese Aleramo sconfisse i Saraceni, nel 935. Non mancherà una visita all’affioramento fossilifero con i guardaparco locali. Al termine della passeggiata (alle ore 23) Betti Zambruno e Piercarlo Candinali canteranno Storie di saracini, mare e colline, mentre i partecipanti potranno ristorarsi degustando il buffet ed i vini della Cantina Vinchio – Vaglio Serra.

L’evento è organizzato dall dall’Associazione culturale Davide Lajolo, dal Comune di Vinchio e dal Parco Paleontologico Astigiano in collaborazione con il Comune di Vaglio Serra e la Cantina di Vinchio e Vaglio. Per maggiori informazioni chiamare il numero 0141/95.01.20 oppure consultare il sito www.davidelajolo.it

Alessandra Leo

Giornalista pubblicista con la passione per il volontariato internazionale, team leader per una nota ONG. Adoro vedere il mondo e viaggiare con penna e taccuino: non a caso da piccola venivo soprannominata “la scrutatrice”, per l’abitudine di osservare con curiosità - annotando - tutto ciò che mi circondava. Dopo una laurea in Lingue e Letterature Straniere e un master in Marketing & Communication Management non ho mai smesso di scrivere, e certo non ho intenzione di farlo, almeno per i prossimi 999 anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *