Donne e arte, creatività sociale

CHIERI – L’arte è uno strumento per tessere relazioni tra persone e culture. Muove da questa convinzione il convegno “Donne e arte, creatività sociale” che si terrà giovedì, 10 maggio, alle 21 nella sala di via Conceria 2. L’evento ad ingresso libero è organizzato dall’associazione MU.S.E. (Multicultura, solidarietà ed emancipazione attraverso l’arte). Ad aprire la serata sarà l’intervento di Monica Cerutti, Assessore ai Diritti e alle Pari Opportunità della Regione Piemonte.

Seguiranno poi tre contributi, il cui tema del convegno sarà presentato a partire da altrettanti punti di vista. Interverranno, infatti, le artiste Gina Mingolla e Caterina Fiore che per MU.S.E. che coordinano rispettivamente il progetto Artemisia di arti figurative e Il Filo di Arianna di fiber art e arti tessili in genere oltre a Massimo Carraro, regista ed antropologo teatrale. «

I relatori non sono dei teorici, ma persone che già da tempo mettono in pratica l’approccio all’arte nel quale ci riconosciamo – anticipa la presidente Norma Carpignano –  Crediamo che, esprimendo la creatività, si possa crescere e migliorare individualmente, e sia possibile confrontarsi anche con chi proviene da culture differenti».

Durante la serata verranno presentati gli obiettivi dell’associazione, che si rivolge alle donne della città, e i progetti da avviare entro la fine dell’anno: fiber art, pittura, riciclo artistico, teatro, e poi momenti aggregativi come uscite al cinema, teatro, concerti, visite a mostre. Non mancherà inoltre l’impegno per la solidarietà: l’obiettivo 2018 è a favore del reparto di Pediatria dell’Ospedale Maggiore di Chieri, in collaborazione con l’associazione Abio (Associazione per il Bambino in Ospedale).

Cosa ne pensi di questo evento?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: