Innovazione digitale e spazi educativi

A Moncalieri arriva il primo Coderdojo: esperienze progetti, visioni della scuola domani. Workshop e laboratori sabato 16 aprile.

MONCALIERI, 16 aprile 2016. Sabato 16 aprile dalle 14.30 alle 17.30, il Palazzo del Comune della Città di Moncalieri ospiterà il primo CoderDojo Moncalieri, iniziativa proposta nell’ambito del Progetto CoderDojo Torino dal Museo Piemontese dell’Informatica – MuPin, associazione senza fini di lucro che ha sede proprio a Moncalieri, nata per la promozione di attività di divulgazione scientifica e tecnologia presso il grande pubblico. Alla manifestazione partecipano il presidente Elia Belussi (ingegnere di sistema, consulente nel campo delle ICT, CoderDojo Champion per il comune di Torino), Andrea Poltronieri (vice-presidente del MuPin, si occupa di sviluppo web e mobile per un’azienda torinese) e di Stefano Mercurio (docente di laboratorio di informatica presso l’Itis Pininfarina di Moncalieri, collaboratore dell’associazione Dschola), da sempre attivo nella sperimentazione di nuove tecnologie e metodologie didattiche con gli studenti.

Tra gli eventi già proposti dal MuPin si possono citare la partecipazione al Digital Festival, l’organizzazione per la prima volta a Torino del Finding Ada Lovelace Day, un evento internazionale di celebrazione dei successi delle donne nel settore tecnologico, scientifico, ingegneristico e matematico, oltre che numerosi eventi nelle scuole e sul territorio piemontesi.

Partner dell’iniziativa sono tre istituti scolastici moncalieresi, l’Itis Pininfarina, l’IIS Majorana e l’IC Nasi, con la partecipazione di docenti e ragazzi. Porteranno il loro contributo, inoltre, il Centro Studi di Informatica Giuridica di Ivrea-Torino, un’associazione senza scopo di lucro che si occupa di diritto applicato alle nuove tecnologie, attenta soprattutto a temi quali la protezione dei dati personali, al cyber bullismo, alla trasparenza on line; e il CSP – Innovazione nelle ICT, Torino, centro di ricerca regionale impegnato nello sviluppo della competenza tecnologica mirata allo sviluppo socio-economico tramite la Tecnologia dell’Informazione e della Comunicazione, con un importante ruolo, tra i molti progetti sviluppati, di supporto all’innovazione nella scuola.

Ma cos’è il CoderDojo? Il termine identifica un movimento internazionale nato pochi anni fa in Irlanda e oggi diffuso in centinaia di gruppi indipendenti sparsi in tutto il mondo, ognuno dei quali organizza le proprie attività, su base volontaria e gratuita, rispettando le indicazioni della Carta Internazionale stilata dalla Fondazione Internazionale CoderDojo.

Le attività di formazione ruotano intorno al gioco e alla formazione tra pari, allo scopo di avviare i ragazzi al linguaggio della programmazione informatica in particolare attraverso Scratch, un software gratuito elaborato dal MIT di Boston, utile a fornire i fondamenti del coding e del pensiero computazionale in modo semplice e accessibile a tutti. Il CoderDojo è quindi una sorta di palestra per la programmazione, l’informatica e la robotica, nella quale i ragazzi mettono alla prova la loro creatività e la capacità logica, inventando animazioni e videogiochi con la guida di giovani volontari, chiamati mentor. Il CoderDojo Torino ha la particolarità di coinvolgere, primo in Italia, mentor giovanissimi, ancora studenti presso le scuole superiori (in pochi casi anche delle scuole medie) del territorio.

L’iniziativa di sabato 16 aprile è rivolta a bambini e ragazzi tra i 7 e i 14 anni, che potranno partecipare all’evento gratuitamente, portando con sé un PC (qualunque sistema operativo) e
la merenda. Il coderdojo si svolgerà nella Sala del Consiglio Comunale, a partire dalle ore 14.30. L’iscrizione è gratuita, tramite il form di Eventbrite: www.eventbrite.it/e/biglietti-coderdojo-torino-al-comune-di-moncalieri-24375408503

E i genitori? I genitori che accompagneranno i ragazzi saranno coinvolti in un workshop presso la Sala Matrimoni sul tema: “Quando lo spazio insegna: innovazione digitale e spazi educativi – Esperienze, progetti, visioni della scuola di domani”. L’incontro è pensato come un “laboratorio tematico” rivolto anche agli operatori delle scuole del territorio e a tutte le persone interessate al mondo della tecnologia, dell’innovazione e dell’educazione, in dialogo con i soggetti istituzionali coinvolti in questi importanti campi di intervento.

A condurre l’incontro saranno il Sindaco della Città di Moncalieri Paolo Montagna, la consigliera Luciana Zampolli, promotrice dell’iniziativa ed esperta nelle tematiche educative (docente presso l’Itis Pininfarina, con un incarico presso l’Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte), l’Assessore alla Cultura Laura Pompeo e all’Istruzione Giuseppe Messina. Il focus dell’incontro sarà quindi il confronto tra le esperienze e le azioni possibili dell’ente locale nel sostegno alle scuole nell’ambito dell’innovazione, attraverso gli strumenti dell’ICT coniugati all’ideazione di nuovi spazi per l’apprendimento.

La scuola è, infatti, oggi coinvolta da profonde spinte di cambiamento: dalle azioni già ampiamente avviate negli anni scorsi delle classi 2.0 a quello che oggi è previsto nel Piano Nazionale per la Scuola Digitale avviato dal MIUR, con azioni che riguardano gli Animatori digitali e i Team dell’Innovazione in ogni scuola. E ancora: i Laboratori territoriali per l’occupabilità previsti dalla legge sulla “Buona scuola”, i numerosi bandi emanati recentemente dal MIUR per l’implementazione di dotazioni tecnologiche nelle scuole, tra i quali, ultimo ma non meno importante, quello aperto proprio in questi giorni e rivolto alla scuola secondaria di primo grado per la costituzione di Atelier creativi, con la proposta di adattare alla scuola media il “modello” del FabLab.

Sullo sfondo, le esperienze delle scuole innovative cosiddette 3.0 e della ridefinizione degli spazi di apprendimento che ne sono alla base, in dialogo con le più recenti elaborazioni teoriche sull’architettura scolastica e delle più importanti esperienze del nord Europa. Non mancano esempi italiani, sia sul piano della ricerca sia su quello delle esperienze concrete.
Il workshop si articolerà soprattutto come narrazione e condivisione di esperienze e buone pratiche. Interverranno:
Sebastiano Gibilisco (Docente IC Nasi, Moncalieri) che presenterà l’attività svolta con i ragazzi: “L’esperienza sul campo: i ragazzi raccontano”; Mauro Di Tommaso (Docente IIS Majorana, Moncalieri) che parlerà dell’esperienza del “Laboratorio di robotica” attivo nel suo istituto; Alessandra Fina (Docente Itis Pininfarina, Moncalieri) con un intervento sulle attività svolte nell’ambito delle novità della “Buona scuola”: “Progetti per un apprendimento sistemico ed emotivo in ambito di alternanza scuola-lavoro”; Gianni Mastropaolo (già Dirigente scolastico Itis Ferrari, Torino) che interverrà sul tema “Coding e apprendimento: esperienze con i ragazzi”, sulla base delle attività promosse con i ragazzi presso il FabLab Torino; Eleonora Pantò (Learning, Inclusion and Social Innovation Program Developer, CSP-Innovazione nelle ICT, Torino) che descriverà le iniziative di CSP a supporto dell’educazione: “Un organismo di ricerca al servizio della scuola: dalla connettività alla consapevolezza energetica”; Mauro Alovisio (Presidente del Centro Studi Informatica Giuridica, Ivrea-Torino, e Fellow del Centro Nexa) che affronterà il tema del “Bullismo e cyberbullismo, definizioni, responsabilità e scenari di regolamentazione” ed Elia Belussi che illustrerà la realtà e l’esperienza dell’Associazione “Il Museo Piemontese dell’Informatica”.

L’evento, per la rilevanza dei temi proposti e per la significatività dei contribuiti presentati, costituisce per Moncalieri un’importante occasione non solo di riflessione ma anche per l’avvio di un percorso, volto a fornire ai giovani cittadini di Moncalieri migliori opportunità di formazione e di crescita culturale. In particolare si toccherà il tema decisivo dell’edilizia scolastica affinché non sia solo il campo di una pur doverosa ordinaria manutenzione, ma originale progettazione di spazi educativi innovativi.

Per informazioni
Associazione Culturale “Museo Piemontese dell’Informatica – MuPIn” Strada Carignano, 48 – 10024 – Moncalieri (TO) – Italia Mobile: +39 333 6892117 – E-mail: info@mupin.it
Iscrizione coderdojo per i ragazzi (obbligatoria): Eventbride (Coderdojo)
Iscrizione workshop per gli adulti (gradita): Eventbrite (lab. Quando lo spazio insegna) 

Erika Nicchiosini

Giornalista ed editor. Dopo i primi traumi infantili causati da alieni – erano i tempi dei Visitors – e verdure verdi, ho capito che una buona comunicazione può partire dall’ascolto, dalla creatività e dalla curiosità per i dettagli: un minestrone, come un lucertolone ricoperto di frusciante carta velina, possono divenire gustosi e digeribili se raccontati con attenzione e la giusta sensibilità. Amo l’arte, le parole, i libri e i viaggi, ascoltare storie, indagarle e farle mie; dare un senso sociologico e antropologico a ciò che vedo e sento.

Cosa ne pensi di questo evento?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: