A Teatro con la Famjia

Venere, Marte e gli eterni conflitti tra uomini e donne in scena con LetMuse sul palco della Famjia Moncalereisa

MONCALIERI, 22 gennaio 2016. La compagnia teatrale LetMuse e la Famija Moncalereisa presentano, venerdì 22 gennaio alle 21.00, lo spettacolo musicale “Venere e Marte. L’eterno conflitto in lettere e jazz spirit” con Franca Berardi, Fabrizio Gola, Giovanni Grimaldi e Chiara Merlino per la regia di Franca Berardi. Suono GB Battaglia, luci Roberto Russello.

Lo spettacolo indaga sulle diversità, i contrasti, ma anche i punti di contatto tra i due sessi. La narrazione è inframmezzata da aforismi, poesie, citazioni, che passando dalle parole della psicoterapeuta Elisabetta Leslie Leonelli e della scrittrice e psicoanalista Lou Andreas Salomè, a quelle del fumettista Milo Manara, fino alle più scanzonate e irriverenti voci dell’universo telematico e alla poesia senza tempo del grande Pablo Neruda, ci conducono in modo divertente e brillante in un percorso nel quale i pezzi degli standard jazz diventano parte integrante di questa “ricerca”, non limitandosi al cantato, ma utilizzandone i testi per raccontare e seguire il filo conduttore dello spettacolo.

Non un semplice reading con musica quindi, ma una vera pièce teatrale, in cui la musica non è semplice colonna sonora, ma si fa essenziale elemento di drammatizzazione, si mischia e si fonde alla parola diventando mezzo esplicativo e poetico.

L’appuntamento è nel salone della Famjia Moncalereisa in via Alfieri 40. Ingresso gratuito per i soci, 5,00 euro per i non soci.

Per informazioni e prenotazioni è possibile telefonare allo 011.3740916. La segreteria è aperta dal lunedì al venerdì dalle 16.00 alle 20.00.

Erika Nicchiosini

Giornalista ed editor. Dopo i primi traumi infantili causati da alieni – erano i tempi dei Visitors – e verdure verdi, ho capito che una buona comunicazione può partire dall’ascolto, dalla creatività e dalla curiosità per i dettagli: un minestrone, come un lucertolone ricoperto di frusciante carta velina, possono divenire gustosi e digeribili se raccontati con attenzione e la giusta sensibilità. Amo l’arte, le parole, i libri e i viaggi, ascoltare storie, indagarle e farle mie; dare un senso sociologico e antropologico a ciò che vedo e sento.

Cosa ne pensi di questo evento?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: