A scuola, contro tutte le mafie

NICHELINO, 14 settembre 2015. Presidio dei giovani delle scuole in Largo delle Alpi, lunedì 14 settembre a partire dalle 10, per dire no a tutte le mafie. È così che gli studenti degli istituti nichelinesi J.C. Maxwell ed Erasmo da Rotterdam insieme al Comune di Nichelino, hanno deciso di inaugurare il nuovo anno scolastico: partecipando attivamente alla battaglia per il riutilizzo dei beni confiscati alla mafia, uno dei quali si trova proprio sul territorio cittadino.

Alla manifestazione parteciperanno, oltre agli studenti di Maxwell ed Erasmo, i rappresentanti di istituto delle scuole di Moncalieri, La Loggia, Vinovo, None, Candiolo e Santena che con Nichelino condividono la battaglia per la legalità partecipando a manifestazioni nazionali antimafia.

Al presidio di Largo delle Alpi parteciperanno inoltre il sottosegretario ai rapporti con il Parlamento Ivan Scalfarotto, l’assessore regionale all’Istruzione Gianna Pentenero, il relatore della legge sul riutilizzo dei beni confiscati e deputato Pd Davide Mattiello e i membri della Giunta nichelinese.

Dalle 12 alle 13,30 una delegazione di studenti, docenti, genitori e rappresentanti istituzionali incontrerà gli ospiti nazionali nell’Aula magna del Maxwell, per riflettere sulla presenza delle mafie sui nostri territori e proporre il progetto studiato per la riqualificazione del bene confiscato a Nichelino.

Lo spazio commerciale è oggi in confisca definitiva per la condanna del proprietario del bene in seguito all’operazione anti cosche ‘Ndrangheta Pioneer. Per quei locali la Città di Nichelino inoltrerà all’Agenzia dei Beni confiscati la richiesta ufficiale per la gestione. Il Comune intende realizzare una “Casa della Legalità” da affidare ad associazioni che si battono contro le organizzazioni criminali, giovani e studenti del territorio nichelinese e dei Comuni limitrofi.

«Nelle nostre intenzioni questo bene è destinato a diventare un luogo di confronto, crescita e di informazione per i nostri ragazzi – spiegano il vicesindaco Franco Fattori e l’assessore alla Legalità e alla Cultura Diego Sarno – In futuro potranno trovarvi spazio anche le “Pari Opportunità”. La giornata sarà un momento simbolico di riappropriazione di un pezzo di territorio nichelinese finito in mani sbagliate e oggi liberato».

Per le scuole sarà un inizio di anno molto formativo. «L’anno scolastico partirà con il piede giusto – afferma l’assessore all’Istruzione Filippo D’Aveni – Gli studenti sono la speranza del futuro: quelli che vanno alle primarie come quelli che vanno alle secondarie e superiori. Vedere con i propri occhi quanto può essere vicina la criminalità, e nascondersi in luoghi insospettabili, favorirà la formazione di anticorpi e aiuterà la crescita della sensibilità alla legalità».

Erika Nicchiosini

Giornalista ed editor. Dopo i primi traumi infantili causati da alieni – erano i tempi dei Visitors – e verdure verdi, ho capito che una buona comunicazione può partire dall’ascolto, dalla creatività e dalla curiosità per i dettagli: un minestrone, come un lucertolone ricoperto di frusciante carta velina, possono divenire gustosi e digeribili se raccontati con attenzione e la giusta sensibilità. Amo l’arte, le parole, i libri e i viaggi, ascoltare storie, indagarle e farle mie; dare un senso sociologico e antropologico a ciò che vedo e sento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *