Volavo con Fausto Coppi a teatro

 

Le imprese eroiche dell'”airone” Fausto Coppi raccontate in un monologo, scritto da Ivano Arena e interpretato da Valentina Veratrini, al teatro di Pinerolo.

Pinerolo, sabato 30 gennaio. La compagnia teatrale “Quelli dell’isola”, in collaborazione con la “La tela di Aracne” debutterà con lo spettacolo “Volavo… con lui”, nel Teatro del Lavoro, in via Chiappero 12. Il biglietto costa 6 euro. Per informazioni e prenotazioni:338.37.51.691.

L’attrice Valentina Veratrini racconterà in un monologo l’epopea del grande Fausto Coppi, il corridore piemontese, chiamato il “campionissimo” e l’“airone”, dagli occhi tristi e dal naso affilato, che fu rivale di Gino Bartali e che morì il 2 gennaio 1960, a soli 41 anni, per una malaria contratta durante un viaggio in Alto Volta e non diagnosticata in tempo.

Con un taglio emozionale lo spettacolo illumina l’immagine fragile e delicata di un uomo vincente che sboccia, tra le figure di due donne importanti, quali la moglie Bruna e la famosa Dama Bianca. Testo e regia sono di Ivano Arena. Direzione tecnica Enrico Gili.

Il mio obbiettivo è quello di raccontare “Fausto Coppi” in modo originale.  Riprendendo un copione che avevo scritto nel 2006 , rappresentato dal gruppo Quelli Dell’Isola dal titolo suggestivo ‘Volavo con lui’ , ho filtrato ed integrato il testo trasformandolo in un monologo con una certa densità emozionale ed una certa originalità. – spiega il regista Ivano Arena – Per ottenere tutto questo serviva una figura di alto profilo che potesse esprimere in perfetta solitudine (come del resto Fausto affrontava le cime). L’interprete dello spettacolo è Valentina Veratrini”.

ValentinaVeratrini

Federica Costamagna

Grafomane e amante dei libri, adoro viaggiare, fantasticare, raccontare storie, condividere esperienze e imparare le lingue. A 11 anni quando la maestra mi chiese cosa avrei voluto fare da grande, avevo già le idee chiare: giornalista. Così dopo il liceo ho scelto di laurearmi in scienze della comunicazione. E da lì è cominciata la mia avventura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *