Il Gaidano com’era e come non era tra pittura e fotografia

 A 100 anni dalla morte del celebre pittore Paolo Gaidano, Poirino ricorda il suo concittadino

Poirino, 5-15 maggio 2016. Mostre, musica, teatro e un concorso per ricordare il 100° anniversario della morte del celebre pittore poirinese Paolo Gaidano, avvenuta il 3 febbraio 1916.

L’evento gratuito, patrocinato dal Comune e dalla Regione, è organizzato dal Circolo Fotografico Poirinese Romolo Nazzaro, l’Unitre, il Consiglio di Biblioteca, la compagnia teatrale Le Gesta, l’associazione culturale Vissi d’Arte, l’associazione per il museo storico della comunità di Poirino e la Filarmonica Poirinese.

Si riparte il 5 maggio alle 21 al Salone Italia con “Paolo Gaidano e il suo tempo“.  Esperti d’arte tracceranno la valenza e il livello artistico del pittore poirinese. Intervengono Arabella Cifani, Franco Monetti e Carlotta Venegoni. A cura di Bartolomeo Mosso.

Sabato 7 maggio saranno inaugurate due mostre: la prima “Il Gaidano com’era”, alle 9,30, nella sala consiliare di Casa Dassano, in via Cesare Rossi 12, in cui saranno presentati quadri, bozzetti, studi, documenti e proiezioni di affreschi del Gaidano.

La seconda “Sensibilità d’autori a confronto, gli eredi artistici del Gaidano”, sarà aperta alle 11, nell’oratorio San Luigi, in via Trieste 1, in cui gli artisti contemporanei Gianluca Ciceri, Enzo Cora, Piero Tachis, Marisa Valle e Alfredo Zanellato esporranno le proprie opere.

Domenica 8 maggio, alle 10,30, saranno inaugurate due mostre fotografiche, realizzate dal Circolo Fotografico Poirinese: la prima “Obiettivo Gaidano”, nella chiesa di Santa Croce, lungo Passegiata Marconi, racconterà attraverso la fotografia la vita, l’epoca e le opere del pittore poirinese. La seconda “Il Gaidano come non era”, sarà allestita nel teatro Salone Italia, sempre in Passeggiata Marconi. In contemporanea alla mostra, dopodomani, domenica e il 15 maggio, in orario 10,30-19, la compagnia teatrale Le Gesta metterà in scena squarci del teatro futurista e momenti di vita tra la fine dell’800 e inizio del ‘900.

Le quattro mostre si potranno visitare fino al 15 maggio, sabato e domenica, in orario 10,30-19. Dal lunedì al venerdì le visite saranno aperte alle scuole. Durante la giornata dell’8 e 15 maggio, saranno organizzate visite guidate, con partenza da piazza Italia.

Nel frattempo, dopodomani, domenica, i pittori contemporanei potranno misurarsi nella 58° edizione del concorso di pittura in estemporanea “Paolo Gaidano”. Mentre gli studenti dell’istituto comprensivo poirinese potranno cimentarsi nella competizione “Sei io fossi Paolo Gaidano” per reinterpretare il timpano affrescato dall’artista poirinese, nella chiesa di San Giovanni Battista, in via Indipendenza.

Domenica 15 maggio, alle 17, il ricordo di Gaidano sarà evocato con il concerto “Ai tempi di Paolo Gaidano, curato dall’associazione Vissi d’Arte, nella chiesa di Santa Croce, in Passeggiata Marconi. Infine, le celebrazioni si chiuderanno il 3 dicembre con un omaggio a Gaidano della Filarmonica Poirinese.

Federica Costamagna

Grafomane e amante dei libri, adoro viaggiare, fantasticare, raccontare storie, condividere esperienze e imparare le lingue. A 11 anni quando la maestra mi chiese cosa avrei voluto fare da grande, avevo già le idee chiare: giornalista. Così dopo il liceo ho scelto di laurearmi in scienze della comunicazione. E da lì è cominciata la mia avventura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *