La salute e la prevenzione delle donne sopra i 50 anni

CHIERI – “Prenditi cura di te. La prevenzione dopo i 50”. E’ il tema della conferenza che si terrà domani, giovedì 18 ottobre, dalle 17 alle 19 nella sede dell’associazione Vol.To. di via Papa Giovanni XIII. L’incontro dedicato alle donne dai 50 anni di età in su è organizzato dall’Associazione Donne Solidali di Chieri e dagli Infermieri del Borgo. I relatori saranno la dottoressa Fabrizia Migliore, psicologa, e le dottoresse Gabriella e Monica Migliore, entrambe infermiere professionali. L’ingresso è gratuito.

Quello di Donne Solidali è un progetto rivolte alle donne single e non che abbiano superato i 50 anni di età e offre un percorso di aiuto critico e consapevole tra le donne in caso di necessità. Per questo appuntamento organizzato nel mese della prevenzione, l’associazione chierese si avvale della collaborazione di Infermieri del Borgo, uno studio associato di Torino con l’all’interno un ambulatorio dove vengono erogate della prestazioni infermieristiche in libera professione.

Durante la conferenza verrà affrontato il tema di come affrontare il cambiamento e di come vivere serenamente la menopausa e gli anni seguenti. La seconda parte, invece, tratterà dell’argomento della salute dopo i 50 anni, su quali possono essere i sintomi da non trascurare.

Altrettanto importante è la prevenzione e quali sono i controlli che vengono consigliati. Tra questi vi è sicuramente il pap-test, un esame veloce e poco invasivo che permette di riconoscere le cellule che precedono l’insorgenza di un tumore. In particolare nella fascia di età tra i 50 ed i 60 anni, la donna vive una fase cruciale che conclude il proprio periodo fertile con il sopraggiungere della menopausa.

Altre forme di prevenzione sono la visita ginecologica da effettuare con cadenza annuale, l’ecografia addominale, la visita senologica e gli esami strumentali per la diagnosi precoce del tumore al seno, come la mammografia. Al termine della conferenza ci sarà quindi spazio per le domande delle partecipanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *