“L’arte della bella tavola” al castello di Pralormo

PRALORMO – E’ in corso fino al prossimo 25 novembre al castello di Pralormo la mostra “L’Arte della Bella Tavola”. I visitatori possono compiere un viaggio in cui si racconta l’accoglienza degli ospiti, la raffinatezza e la cura del dettaglio. Tutti accorgimenti che ancora oggi sono abitudine e tradizione dei proprietari del castello in cui vivono da 400 anni. La mostra è visitabile tutte le domeniche dalle 10 alle 18 per i visitatori singoli senza necessità di prenotazione. I gruppi, invece, possono visitare la mostra tutti i giorni su prenotazione.

Oggetti, documenti, diari e libri ritrovati in armadi, credenze e bauli del Castello svelano segreti e curiosità che immergono in atmosfere suggestive ed evocative di incontri di famiglia, ma anche pranzi formali in cui antenati illustri con ospiti importanti a volte hanno anche influenzato la storia delle Nazioni. I visitatori sono immersi in un’atmosfera suggestiva potendo ammirare tavole allestite ed alcuni servizi di porcellane, argenti e cristalli della famiglia Beraudo di Pralormo che abita nella dimora fin dal 1680 tramandandoli nei secoli, di generazione in generazione.

Il percorso si conclude con un allestimento che dà modo ai visitatori come i proprietari del castello, i Conti Beraudo di Pralormo, ricevono ancora oggi i loro ospiti. Una grande tavola apparecchiata con piatti di ceramica a forma di grandi foglie, curiose insalatiere e animali in vetro, il tutto a simulare un pranzo in giardino. Oltre alla visita interna si affianca anche il percorso “Il parco goloso”, una passeggiata di curiosità attinenti al cibo con allestimenti in tema, ricette dedicate agli alberi, agli arbusti ed ai fiori del parco, oltre alla serra di orchidee con una collezione di peperoncini ed erbe aromatiche.

Un’altra parte del percorso è inoltre allestita nell’Orangerie, spazio nel parco dove si ritiravano gli adulti durante l’inverno, intitolata “Il Gusto della pubblicità. Manifesti da una collezione torinese”. Sono presenti manifesti, locandine, cartoncini, oggetti e scatole in latta con uno spazio articolato in quattro sezioni dedicate attrezzature e alle cucine d’antan, al cioccolato, ai vini spumanti e al vermouth. Si tratta di una selezione di marchi del territorio torinese e piemontese tra la fine dell’Ottocento ed il 1960 proveniente da una collezione di famiglia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *