Lo Sport InSuperAbile

Sport per tutti con InSuperAbile, prima edizione della manifestazione dedicata agli sportivi con disabilità e alle associazioni

MONCALIERI, 21 dicembre 2015. Tennis, ginnastica ritmica, calcio e tennis. Moncalieri dedica una giornata intera, il 21 dicembre, allo sport per tutti, promuovendo la prima edizione di “Io sono InSuperAbile“, un momento di sport e festa dedicato ai ragazzi con disabilità che si esibiranno in varie discipline.

La manifestazione si aprirà alle 14.30 e si svolgerà all’interno del Centro Sportivo Einaudi di via Einaudi 18, che per l’occasione ospiterà alcune delle tante associazioni che si occupano di promuovere attività sportive dedicate ai giovani diversamente abili.  

Il via alle attività verrà dato alle 15 con il Calcio Unificato proposto dalle associazioni Vivere, Pandah e Muoversi Allegramente. Si prosegue alle 16.00 con le dimostrazioni di Ginnastica ritmica Unificata a cura dell’associazione Muoversi Allegramente mentre, alle 16.30, al via le partite di Tennis in carrozzina con l’associazione Sport Happenings. Spazio al Tennis Tavolo con l’associazione Asd Gasp, alle 17.15, mentre alle 18.00 l’associazione Air Down propone il Volley. Per chi è appassionato di danza e affascinato da ritmi moderni, l’associazione Fall in Dance propone sessioni di Danza Moderna, Zumba e Hip Hop alle 18.30.

La giornata si concluderà alle 19.00 con le premiazioni e, alle 19.30, verrà offerto un un gustoso rinfresco.

L’ingresso all’impianto sportivo è libero e durante il corso della giornata verranno raccolti fondi da destinare alle associazioni impegnate nella valorizzazione delle pratiche sportive per i ragazzi con disabilità.

Parteciperanno il sindaco di Moncalieri, Paolo Montagna, e l’assessore allo sport Giuseppe Messina.

Erika Nicchiosini

Giornalista ed editor. Dopo i primi traumi infantili causati da alieni – erano i tempi dei Visitors – e verdure verdi, ho capito che una buona comunicazione può partire dall’ascolto, dalla creatività e dalla curiosità per i dettagli: un minestrone, come un lucertolone ricoperto di frusciante carta velina, possono divenire gustosi e digeribili se raccontati con attenzione e la giusta sensibilità. Amo l’arte, le parole, i libri e i viaggi, ascoltare storie, indagarle e farle mie; dare un senso sociologico e antropologico a ciò che vedo e sento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *