Trekking equestre all’Abbazia di Vezzolano

Una cavalcata tra le bellezze dell’Alto Astigiano

PASSERANO MARMORITO (AT), 23 luglio 2017 – Una passeggiata a cavallo tra le bellezze naturali dell’Alto Astigiano, per consumare infine un bucolico pranzetto all’ombra della secolare Abbazia di Vezzolano. La partenza per l’escursione è prevista per domenica 23 luglio alle 9 da via Roma 1. Ad organizzare l’evento è Equiturismo Monferrato, organizzazione che si occupa di promuovere le tradizioni storiche ed enogastronomiche del territorio; strizzando un occhio all’ecologia.

Una forma di turismo sana e sostenibile, che dialoga con la natura: il trekking equestre nasce quando l’uomo ha iniziato ad addomesticare i cavalli, oltre 5 mila anni fa, ma solo in tempi recenti è stato trasformato in una fonte di reddito. I cavalli da sportivi non più adatti alle competizioni trovano una nuova vita tra gli scenari rurali, a patto che il loro temperamento sia docile e mansueto, per non nuocere agli altri e a loro stessi. Nonostante la sicurezza delle moderne ippovie, cioè sentieri specificatamente adibiti al passaggio dei cavalli, gli equini devono essere in grado di non spaventarsi di fronte all’imprevisto.

Dotate di aree per la sosta e il rifocillamento di animali e persone, le ippovie del Monferrato sono tra le zone italiane preferite dai turisti per riscoprire le genuinità culinarie e culturali della campagna circostante. E l’Abbazia di Vezzolano, con le sue linee gotico-romaniche e la facciata bicroma, attende i suoi visitatori.

 

Alessandra Leo

Giornalista pubblicista con la passione per il volontariato internazionale, team leader per una nota ONG. Adoro vedere il mondo e viaggiare con penna e taccuino: non a caso da piccola venivo soprannominata “la scrutatrice”, per l’abitudine di osservare con curiosità - annotando - tutto ciò che mi circondava. Dopo una laurea in Lingue e Letterature Straniere e un master in Marketing & Communication Management non ho mai smesso di scrivere, e certo non ho intenzione di farlo, almeno per i prossimi 999 anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *