Tutto pronto per “Fubine che Meraviglia!”

FUBINE – Un tour alla scoperta di Fubine Monferrato. Si terrà venerdì, 5 ottobre, dalle 14 alle 18 “Fubine che Meraviglia!”, evento organizzato dalla Confraternita degli Stolti, dall’associazione Monferrato2020 e dal Comune.

L’itinerario prenderà il via da Piazza Robotti e dopo pochi metri la prima tappa sarà in un infernot locale, una cantina sotterranea scavato in roccia arenaria caratterizzato dall’assenza di luce e dall’aerazione diretta. Da lì il percorso riprenderà per poi fare una sosta al giardino naturale dove sarà possibile gustare una merenda con una tisana calda.

Si proseguirà quindi fino ad Enosis Meraviglia, centro ricerche applicate allo sviluppo enologico. Nel salone il gruppo di partecipanti potrà partecipare alla conferenza a tema “Monferrato e Geologia” in collaborazione con l’Università di Torino e Monferrato2020. I relatori saranno Francesca Lozar, ricercatrice, docente dei corsi di paleontologia e micropaleontologia presso il dipartimento di Scien-ze della Terra Le “radici” profonde dei vini piemontesi, Luigi Perotti, Dottore di Ricerca in Scienze della Terra, docente del corso di Geomatica e socio fondatore della società Imageo, nata nel 2007 come spin-off dell’Università di Torino. Si parlerà anche di nuove tecniche di rilievo per il territorio vitivinicolo e verrà approfondita la sfida delle nuove tecnologie per lo studio, la gestione ed il monitoraggio del territorio vitivinicolo.

Al termine sarà quindi possibile visitare la struttura, l’infernot ed i laboratori. Il tour si concluderà quindi con la tappa alla cantina Pastorello con un aperitivo in cantina. Per le iscrizioni è possibile contattare Anna Bruno al numero 3482211219.

L’evento farà da anteprima alla decima edizione di Itaca, il festival che si occupa di turismo responsabile e di innovazione turistica. Il tema conduttore del 2018 sarà la terra di una manifestazione che si svolgerà dal 13 al 21 ottobre prossimi coinvolgendo con una serie di appuntamenti tutto il territorio del Monferrato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *