Una serata di sensibilizzazione nella Settimana Europea della Mobilità Sostenibile

CHIERI – “Cambia e vai”, una serata di sensibilizzazione al movimento sostenibile per la cittadinanza. L’evento si svolgerà domani sera, giovedì, nella sala conferenze  Conceria (via Della Conceria 1) con inizio fissato alle 20,45. L’incontro promosso dal Comune di Chieri si svolgerà nell’ambito della Settimana Europea della Mobilità Sostenibile promossa dalla Commissione Europea e in programma dal 16 al 22 settembre di ogni anno.

Nell’occasione verranno presentati dei progetti di mobilità sostenibile a cura dell’Amministrazione di Chieri, come ad esempio il Progetto Percorsi Ciclabili Sicuri, il Progetto Ciclovia Lampo, il Progetto P.A.S.C.A.L. La serata è ad ingresso libero e proporrà gli interventi di Elena Gelormino dell’Asl TO5 sul tema “Scelte di mobilità e salute” mentre Angelo Gilardi, presidente dell’Associazione di Promozione Sociale Camminare Lentamente, parlerà di “Camminare per scoprire il territorio”.

A seguire Maura Tosco del liceo “Monti” illustrerà il progetto scolastico “A scuola in bici” e verranno presentati anche i laboratori di progettazione e partecipazione del polo scolastico Monti-Vittone in collaborazione con l’associazione Techlab.

Francesco Paese della Cogen Chieri, associazione di coordinamento dei genitori chieresi, parlerà invece degli aspetti educativi della mobilità sostenibile. Mario Bellinzona dell’Associazione culturale LAQUP (Laboratorio Qualità Urbana Ambiente e Partecipazione) con sede a Torino tratterà invece l’argomento della mobilità sostenibile e del progetto di microgenerazione urbana e piattaforma FirstLife dell’UniTo. Il ciclo degli interventi sarà quindi concluso da Giovanni Bosco della Fiab – Muoviti Chieri! che parlerà di esperienze della mobilità sostenibile.

L’evento rappresenterà l’occasione per informare i cittadini sui progetti di mobilità sostenibile in corso sul territorio del Chierese. Al termine degli interventi, inoltre, verrà data la possibilità ai presenti di esporre le proprie domande ai relatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *